5 titolari di piccole imprese svelano i loro buoni propositi per il 2020

Con l'avvicinarsi della fine dell'anno, è il momento per le piccole imprese di festeggiare i successi del 2019 e stabilire quali saranno i buoni propositi per il 2020.

Forse a livello personale stai pensando di fare più esercizio fisico o imparare una nuova lingua... ma quali sono i tuoi buoni propositi per il lavoro nell'anno nuovo?

Lo abbiamo chiesto a cinque titolari di piccole imprese per scoprire quali sono i loro obiettivi per il prossimo anno. Traguardi ambiziosi o i miglioramenti di entità limitata, ecco alcune idee da cui potresti trarre ispirazione. Ascolta le loro storie e preparati ad affrontare al meglio il 2020.

I principali buoni propositi delle piccole imprese per l'anno nuovo:

  • Migliorare l'esperienza dei clienti
  • Assumere nuovi collaboratori
  • Dare maggiore valore alla propria attività
  • Valutare il quadro generale

1. Migliorare l'esperienza dei clienti

Il proposito per il 2020 di Stuart “Tommo” Thomson, fondatore e amministratore delegato di Skuna (in precedenza HotTug), è “investire più tempo nel miglioramento dell'esperienza dei clienti per renderla davvero eccezionale”.

Tommo potrebbe aver colto nel segno. Secondo il Barometro del servizio di assistenza clienti 2017 di American Express, i millennial sono disposti a spendere fino al 21% in più per un'esperienza eccellente. Inoltre, in questo modo i nuovi clienti potrebbero trasformarsi in visitatori regolari, creando ulteriore valore per la tua attività.

Fornisci ai clienti gli strumenti giusti.

Rendi le informazioni facili da reperire, sia mettendo in evidenza nelle storie di Instagram la sezione con le domande più frequenti sia tramite un modulo di contatto sul sito web, e crea un'esperienza di interazione con i clienti fluida. Dovrebbe essere sempre facile mettersi in contatto con te e trovare le informazioni necessarie (come orari di apertura e prezzi).

Fai l'impossibile per i tuoi clienti.

Migliora in ogni aspetto la loro esperienza dall'inizio alla fine del processo di interazione. Una persona desidera acquistare una delle tue magliette in un colore attualmente non disponibile? Oppure ti viene richiesto un ordine di biscotti personalizzati in meno di 24 ore? Se puoi offrire il servizio richiesto, non tirarti indietro.

Premia i clienti più fedeli.

In un recente studio sugli obiettivi delle piccole imprese per il 2020 svolto da Vistaprint, quasi il 30% dei titolari ha dichiarato di voler trovare clienti regolari. Uno delle strategie più efficaci per riuscirci è la creazione di un sistema a premi. Regala ai clienti più frequenti un'esperienza di prim'ordine tramite programmi fedeltà, sconti speciali ed eventi esclusivi. Grazie a esperienze cliente memorabili guadagnerai un vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza. Anche le sorelle Cristina Bellante e Rosalia Antonella Bellante, titolari dell'Erboristeria Aromatari a Palermo, sono dell'idea che si debba regalare un'esperienza speciale ai propri clienti.

"Premiamo sempre i nostri clienti attraverso una tessera punti con la quale possono accedere a sconti speciali. Inoltre, facciamo un piccolo regalo il giorno del loro compleanno, che fa sempre piacere."

2. Assumere nuovi collaboratori

Charlie Spokes, fondatore di My Friend Charlie, ha degli obiettivi di crescita chiari. “Il mio grande proposito per l'anno nuovo è assumere due responsabili per gestire gli eventi in due nuove città. Siamo cresciuti molto, e siamo pronti a sfruttare lo slancio generato sinora.”

Anche Angela Marenghi, titolare di Little Bird Events, vuole concentrarsi sull'espansione del proprio team: in particolare, nel 2020 vorrebbe assumere del personale di supporto.

Per i titolari di piccole imprese, assumere un nuovo collaboratore (o magari addirittura il primo impiegato) è un momento importante. Ecco qualche consiglio utile per trovare la persona giusta.

Stabilisci in che ambiti hai bisogno di aiuto.

La tua attività è come un figlio per te. Cosa puoi affidare con tranquillità a qualcun altro?

Per prima cosa, rifletti su diversi aspetti. Hai bisogno di una persona a tempo pieno o solo per qualche ora alla settimana? Deve essere una persona con qualifiche professionali specifiche o puoi semplicemente insegnare al nuovo collaboratore come svolgere le sue mansioni? Che stipendio puoi permetterti di offrire?

Stabilisci ruoli e responsabilità della posizione.

Una volta chiaro il tipo di aiuto di cui hai bisogno, comincia a sviluppare la descrizione del lavoro. Assicurati che il titolo della posizione descriva in maniera adeguata quello che comporta. In questo modo, avrai maggiori probabilità di ricevere domande da candidati con un profilo rilevante. Oltre alle specifiche della posizione, includi informazioni sulla tua impresa e sul tipo di cultura aziendale che vuoi creare.

Trova il candidato giusto.

Oltre a pubblicare l'annuncio tramite tutti i canali classici (come LinkedIn e Indeed), potresti valutare anche l'uso del passaparola. Magari c'è qualcuno tra i tuoi conoscenti che ha un nipote con del tempo libero durante il fine settimana oppure che sa di un vicino di casa che è stato appena licenziato. Se assumi una persona consigliata da qualcuno che conosci, sarà più probabile che si tratti di un candidato affidabile.

Occupati di tutti i documenti amministrativi.

A livello legale, le cose più importante durante il processo di assunzione di un nuovo collaboratore sono la preparazione e la firma di tutti i documenti amministrativi necessari. Assicurati di avere un contratto che indica tutte le responsabilità e le condizioni della posizione lavorativa. Se consulti un avvocato in questa fase, potrai risparmiare tempo, denaro ed evitare grattacapi in futuro.

3. Dare maggiore valore alla propria attività.

Angela Marenghi, titolare di Little Bird Events, vuole migliorare il suo fatturato nel 2020. Offrire prezzi più bassi della concorrenza locale può essere una buona strategia per le piccole imprese... ma non se ti sembra di guadagnare meno del dovuto.

Confronta i tuoi prezzi con quelli degli altri.

Scopri quanto si fa pagare la tua concorrenza locale (e non solo). Se i tuoi prezzi sono inferiori a quelli richiesti sul mercato, valuta se aumentarli. Score.org consiglia di iniziare a cambiare il prezzo dei tuoi prodotti e servizi più venduti.

Cerca di capire il tuo valore di mercato.

Sei una persona esperta nel tuo settore. Forse hai iniziato a dare per scontate le tue abilità e stai perdendo possibili profitti. Per capire qual è il tuo valore di mercato, rispondi a queste domande:

  • Quanto ti è costato apprendere le abilità necessarie per svolgere bene il tuo lavoro?
  • Quanto tempo è servito?
  • Da quanto tempo ti occupi di questa professione?
  • Pensa a quando hai cominciato. Da 1 a 10, che voto avresti dato alle tue abilità?
  • E, invece, che voto daresti alla tua condizione attuale?

Una volta chiaro il tuo valore di mercato, potrai comunicarlo meglio ai clienti.

Aggiungi una garanzia.

Offri prodotti e servizi con una garanzia per dar loro maggiore credibilità. Secondo Entrepreneur.com, la garanzia rafforza la tua attività, ne aumenta il valore e può consentire di vendere a prezzi più elevati. Inoltre, i clienti accetteranno con maggiori probabilità di pagare un importo superiore se riceveranno in cambio un extra, come una garanzia di soddisfazione al 100%.

4. Valutare il quadro generale

Heather Yunger, titolare di Top Shelf Cookies, vuole imparare a dire “no” nel 2020. “Dico quasi sempre sì a tutto e non presto molta attenzione a cosa dedico il mio tempo. Devo imparare a prendere in considerazione il quadro generale delle cose.”

Ricorda perché hai iniziato.

Che in principio si sia trattato di un progetto secondario oppure sia stato un grande investimento in un negozio fisico, la maggior parte delle piccole imprese è alimentata dalla passione dei titolari. Una volta terminato il periodo della "luna di miele", però, è facile trovarsi stressati, privi di stabilità e con un pessimo equilibrio tra vita privata e lavoro.

L'anno scorso abbiamo chiesto ai titolari di piccole imprese cosa fanno per riaccendere la passione per la propria attività. I risultati? Provare a fare qualcosa di diverso.

Dire “no”.

Una frase famosa di Steve Jobs è “Innovazione significa dire “no” a 1000 cose”.

Come imprenditori, potremmo sentirci obbligati a cogliere qualsiasi opportunità che ci si presenti, anche se non è particolarmente redditizia. Per imparare a dire “no” bisogna dare valore al proprio tempo, stabilire dei limiti con i clienti e concentrarsi sugli obiettivi a lungo termine.

Quando dici “no”, però, fallo in modo da lasciarti aperte altre eventuali opportunità. Spiega che al momento non ti è possibile occuparti del progetto o che non puoi operare al prezzo richiesto.

Supera i tuoi limiti

Brit Wilkins, cofondatrice di Freedom Found Co., vuole spingere la sua attività verso nuovi territori. “Nel 2020 vorremmo smettere di “nasconderci” nelle nostre zone di eccellenza e comfort. Al momento resto in una posizione che mi dà tranquillità, mentre dovrei spingermi a fare cose che mi spaventano o che potrebbero portarci in territori inesplorati.”

Ecco alcune cose che potresti fare per superare i tuoi limiti:

  • Prova a partecipare a una fiera. Ad esempio, Heather pensa di andare a uno di questi eventi; in particolare, a un convegno a Dallas dove troverà molta della sua concorrenza.
  • Organizza un evento in negozio. Cogli l'occasione e spingi i clienti a entrare nel tuo spazio di vendita. Distribuisci inviti personali con un'offerta speciale e assicurati che tutti tornino a casa con un omaggio personalizzato con il tuo logo.
  • Collabora con un'altra piccola impresa. Cooperare con altre attività locali ti permette di aumentare la tua visibilità, imparare dai colleghi e creare alleanze durature con facilità.
  • Crea un nuovo sito web. Secondo il nostro studio, uno dei dieci obiettivi principali delle piccole imprese per il 2020 è creare un nuovo sito web o aggiornare quello attuale. Lo sviluppo di un sito web può richiedere molto lavoro, ma per fortuna il nostro team di servizi grafici è sempre pronto ad aiutarti.

Articoli correlati

Cinque ottimi modi per migliorare il tuo servizio clienti

Scopri come assicurarti clienti felici, che si sentono ascoltati e che fanno crescere la tua attività grazie al passaparola.
Leggi tutto

6 suggerimenti per crearti una clientela affezionata

Ecco 6 suggerimenti collaudati che ti aiuteranno a prendere contatti con i clienti, creare relazioni stabili con loro e far emergere il tuo business.
Leggi tutto

Inizia a fare acquisti